M. Betti“E’ uno scatto che ricorda tante cose perché mi riporta molte sensazioni: ritrae il paesaggio della strada dei Sette Ponti (per i “sette ponti” che erano costruiti sul fiume Arno), ai piedi del Pratomagno, l'antica "Cassia Vetus". Luoghi dove sono nato e cresciuto…" 

Quando guardo questa fotografia penso alla primavera alla mutazione annuale… a quegli anni. Una campagna "lavorata", "sudata", condizionata dalla presenza dell'uomo. Il periodo è quello che precede di poco la primavera, quando ancora è solo un sospetto nell'aria”. La Cassia Vetus, antica via romana, era il collegamento tra Arezzo e Fiesole sulla riva sinistra del fiume Arno. Numerosi i bei borghi Toscani lungo questa storica strada. Per il turista che si trova a visitare questa zona del Chianti d’obbligo soffermarsi sul Ponte a Buriano risalente al seconda metà del 1200 che con il suo paesaggio fa da sfondo alle opere di Leonardo Da Vinci: “La Gioconda” e a “La Madonna de Fusi” . Una visita da non perdere è quella alla Pieve di Groppina (Loro Ciuffenna) risalente al XII sec. e che è riconosciuto come monumento nazionale per la sua importanza storica.


[top]
Leave a Reply